elementi fondativi – condivisione

elementi fondativi – condivisione

condivisione

La rete delle biblioteche inbook nasce per contribuire a rispondere al diritto di partecipazione ai contesti sociali in cui le singole biblioteche sono inserite e per condividere: i libri, le strategie, le riflessioni.

Condivisione di libri

E’ il primo elemento, il più concreto, che definisce la necessità di mettere a fattore comune l’impegno dei singoli soggetti.

Per far sì che il lavoro di traduzione in simboli di un bel libro, processo a tutt’oggi impegnativo, diventi patrimonio a disposizione di una cittadinanza più ampia. Perchè questo libro possa essere sugli scaffali non solo di una biblioteca, ma di una pluralità di biblioteche. E attraverso il prestito interbibliotecario potenzialmente in tutto il Paese.

Per fare in modo che ci sia un riferimento a cui rivolgersi per la ricerca di un titolo, per verificarne la disponibilità o per proporne di considerare la traduzione.

Condivisione di strategie

Le esperienze maturate dalle biblioteche pioniere vengono messe a disposizione di chi si affaccia a questa prospettiva, perchè la conoscenza sviluppata sia messa a fattore comune e permetta ulteriori sviluppi. C’è in questa prospettiva una concezione collaborativa, collettiva, della condivisione, attenta al rispetto del lavoro di tutti e di ciascuno. In questo senso c’è sintonia con la filosofia del creative commons, in cui l’attribuzione del credito agli autori si accompagna alla possibilità di cistruire su quelle conoscenze, messe a disposizione di tutti.

Condivisione di riflessioni

La costruzione sociale è un’opera che non si conclude mai. E’ necessario che sia viva, continui ad essere rinnovata, messa in discussione, possa trovare nuove soluzioni, sempre nella propsettiva dell’inclusione, della possibilità di partecipazione di tutti.

Le reti delle biblioteche aumentative e delle biblioteche inbook vogliono essere luoghi dove queste riflessioni si condividano, si possano sviluppare, si possano poi rendere pubbliche nelle forme che i partecipanti decidono.

E’ la forma della comunità di pratica, dove soggetti esperti, provevienti da esperienze, competenze, contesti diversi collaborano nella costruzione collettiva di conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.